sabato 2 agosto 2014

tentazioni

il peso aumenta, in bagno ci vado poco che è meglio di niente, mi dicono di non preoccuparmi che mi assesterò ... ma io non riesco a guardarmi. Ho deciso che non andrò al mare e ho messo i soldi sulla bicicletta ellittica per poter allenarmi, cercando di allontanare il pensiero di ritornare a lottare per diventare un cumulo di ossa e preoccuparmi di più di diventare tonica e muscolosa. Ma soffro, la notte nel sonno ho scoperto che mi agito che piango, che la vena sul collo mi si gonfia e pulsa all'impazzata.
Ignoro... ignoro il suo richiamo che mi fa sentire grassa e colpevole.
Penso che forse se mi guardassi riuscirei ad apprezzarmi, ma non ci riesco e avere la pancia costantemente gonfia non mi aiuta.
Non mi aiuta pensare che un anno fa ero 43 kg e adesso me lo sogno un peso del genere.
Mi sento senza obbiettivi. Ho tanti desideri, come avere un lavoro per esempio, ma non è raggiungibile. Sono frustrata perchè non riesco in nulla. Sono una mantenuta e non ho diritto di pretendere nulla. Mi stavano per regalare un cucciolo di gatto tutto nero e pelosetto, avrei voluto prenderlo, ma chi lo avrebbe dovuto mantenere non ero io dal momento che non posso, mio fratello non lo ha voluto e io ho dovuto ingoiare il boccone amaro.
Qualsiasi cosa io voglia sembra sempre superflua... perchè io non guadagno, consumo e basta.
Siamo andati via calcolando che io non mangiavo e che quindi il costo della spesa alimentare era basso, invece non lo è perchè c'è anche il mio pasto adesso.
Tutta questa massa di pensieri disordinati mi riporta a lei.
Per non parlare del fatto che con il mio ragazzo le cose non si aggiustano, avrei voluto che mi facesse notare che il mio nuovo corpo gli piaceva di più, anche se non era vero, sarebbe stato un sostegno, ma lui mi rifila complimenti continuamente sia che io sia 20 kg sia che ne sia 150 quindi perde di credibilità.
Un anno fa quando ero 43 kg avrei voluto che anzi che dirmi, brava , sei bellissima, mi dicesse - stai attenta, cosi non va bene - e invece nulla.
Tutto questo mi riporta a lei che era la mia unica certezza, mentre ora mi sento in una giungla pericolosa, dove corro ad occhi chiusi gridando come una matta per non sentire la "sua voce", ma non so dove vado ne dove voglio andare, sbatto ovunque e mi faccio male.
Troppa incertezza, la tentazione di essere sua è forte...
Ho solo paura di decidere

4 commenti:

edie ha detto...

C!!!!!!Cazzo non ti puoi sentire in colpa perchè era stato calcolato che tu non mangiavi e adesso mangi! Secondo me dovresti in ogni caso sforzati di provare a trovare un lavoro. Quando non ce l'hai purtroppo è proprio come dici tu, non hai il diritto di avanzare pretese e l'unica soluzione è trovare un lavoro.
Mi spiace che il tuo ragazzo si comporti così, dovrebbe stare attento quando vede che mangi troppo poco o sei troppo magra ma in sua difesa ti dico che le persone si abituano a tutto. NOn è giusto, ma dopo un po' si abituano al dolore, si abituano a vedere che soffri, che non mangi o che ti abbuffi o che vomiti o che ti tagli. Bisogna cercare di parlare chiaramente perchè purtroppo spesso siamo noi che non mandiamo i giusti segnali e confondiamo anche le persone che ci vogliono bene.

Mi raccomando stai attenta perchè a riscivolare nelle ossessioni ci vuole veramente poco.

Ti stringo forte.

Lara ha detto...

non sai quanto ti capisco. vorrei tanto uscire d questo tunnel pieno di pensieri negativi, ossessioni, pianti, depressione….eppure una parte di me non vuole. perché? perché io mi vedo grassa e schifosa a 42 kg quindi non oso immaginaere come starei se ne pesassi di più.
il peso rimane invariato ma ci sono giorni in cui non mi disgusta guardarmi allo specchio e giorni in cui vorrei rompere tutti gli specchi di casa.
non so più cosa fare, vorrei essere più forte e non cedere alle tentazioni perchè sono quelle che mi fregano (l colazione non riesco a saltarla).
posso chiederti quanto sei alta?

Roxana ha detto...

@edie Hai ragione, ci si abitua proprio a tutto, a casa mia nel periodo bulimico ormai si usciva per andare a mangiare presto in modo che io poi avessi il tempo di vomitare. I miei fratelli e il mio fidanzato sapevano che se si andava in discoteca a capodanno non si faceva il cenone perchè io poi non potevo vomitare in discoteca.... lui mi ha conosciuta che avevo già queste abitudini ma non ha mai capito un tubo di questa malattia... il mio ragazzo mi ama ma tante cose, troppe non le capisce.
@Lara ti invidio perchè pesi 42 kg... mi sento morire se penso che ero a un passo da quel peso...
il mio peso però non è invariato e ho la tentazione di chiederti come fai come ti nutri tu? Io la colazione non voglio saltarla, ma dopo quella non vorrei più ingoiare nulla. Sono nana 1,60 =)

Lara ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.