venerdì 27 gennaio 2012

VI CAPITA MAI....

Oggi sono in cerca di opinioni, per capirmi, per capire se tutto ci che non funziona in me o è strano, capita anche a qualcuna di voi, visto che soffrite cio' che soffro io.
Quando qualcuno mi racconta la storia di un'anoressica e mi dice - Quella era proprio messa male, quella stava male pesantemente, non mangiava davvero niente ecc.. - nella mia testa mi sembra di sentirmi dire - Mica come te che alla fine mangi sempre, tu non sei malata, o almeno non grave - e allora anzi di sentirmi sollevata mi viene una gran voglia di chiudere la bocca per sempre, di stare davvero male, di andare contro tutte le regole sul metabolismo e blablabla....
Voglio andare contro natura non me ne frega più nnt delle regole lontanamente sane, non è con quelle che ho perso trenta chili.
Voglio fare la fame quella vera, non mangiare davvero niente...
Voglio sfidarmi  e vedere quanto resisto con un massimo di 300 kcal al giorno, che saranno i miei giorni di lusso, tentero di prenderne sempre meno e di bruciarne il più possibile.
Non voglio più sentirmi dire certe cose...
Per risalire bisogna toccare il fondo, e allora voglio sprofondare....
Rox

martedì 24 gennaio 2012

Avida

Questo non è il modo giusto di fare le cose lo so, vomitare quella briciola in più ingerita come se avessi ingerito veleno di cui è importante liberarsi subito, inventare la ricerca di una guarigione che in realtà evito come la peste, ma soprattutto tenere al mio fianco qualcuno che mi ama più della sua vita e che morirebbe se mi vedesse star male, con la consapevolezza che lo ferirò perchè paradossalmente quello che desidero ardentemente è stare male, diventare un cumulo di ossa che sostengono un corpicino minuscolo e gracile, ma tutto questo ferirebbe lui, l'unico in grado di amarmi come piace essere amata a me, l'unico che amo, il mio pensiero costante durante il giorno dopo di lei. Ana, sempre lei.
Per un periodo mi sembrava essersi allontanata, come se mi scrutasse da lontano ma adesso, adesso è di nuovo qui, al mio fianco, che mi tiene il fiato sul collo, calcola ogni mio pasto, ogni caloria assunta e sono sempre troppe, e ogni caloria bruciata che non è mai abbastanza, mi prende lo stomaco, lo chiude poi lo calpesta. La sua voce è nella mia testa, ogni qualvolta poso gli occhi sul proibito lei me li tappa, mi afferra la mano se sto per prendere del cibo e se non resisto, se scappo, se mangio, mi acchiappa per i capelli, mi trascina in bagno, mi piega sul lavandino e mi ficca due dita in gola fino a che non esce da me solo sangue e saliva, fino a che gli occhi non sono iniettati di sangue e il viso gonfio e paonazzo.
Non so rinunciare a lei e non so rinunciare a lui.
Sono avida, voglio tutto, anche ciò che non merito.
Voglio lui perche lo amo, perche mi ama, perchè mi fa felice.
Voglio Ana anche se la odio, mi odia, mi rende infelice dopo brevi istanti di falsa felicità.
Rox

sabato 21 gennaio 2012

con le unghie e senza denti

47.9 kg finalmente qualcosa si smuove, continuo a non mangiare un giorno dopo l'altro, mi riempo la pancia al mattino, colazione abbondante, latte e cereali e poi basta fino al giorno dopo.
Combatto con le unghie che afferrano la mia pelle che si insinuano nella mia gola se la promessa non è mantenuta, niente denti, i denti servono per masticare e io non mastico più...
Odio il cibo e non lo desidero più.... voglio solo continuare a scendere di peso e quando imparerò a reagire alle gocce che mi rendo un ebete che dorme tutto il giorno sarò anche in grado di allenarmi e allora la scesa sarà ancora più veloce.
Domani voglio almeno 47.5 , resisti Rox e ci che ti è dovuto ti sarà dato.
Rox

martedì 17 gennaio 2012

inutile

Non riesco  a crederci per tue giorni consecutivi nn ho mangiato quasi nulla, non ho fame, nonostante io sia sempre in mezzo a gente che mi mangia davanti patatine fritte pizza nuggets ecc ecc io nn cedo non mangio, dormo dormo dormo... e poi la mia bilancia mi ha finalmente dato 48 kg.
Peccato che quella digitale sia scarica XD
Per il resto le novita sono che R viene quasi tutti i giorni a casa mia, ha anche parlato un po' con mio padre, ci mettiamo nel lettone e dormiamo abbracciati, solo ieri per la prima volta dopo 25 giorni di ciclo, questo si è concluso e abbiamo fatto l'amore.
Sua madre non è la classica suocera antipatica che ti scruta, anzi è una donnina piccina, con gli stessi occhi dolci di R, molto molto gentile e suo padre è molto simpatico.
R mi ha chiesto di sposarlo, ovviamente ho detto di si, non facciamo che progettare la nostra vita insieme, abbiamo bisogno costantemente l'uno dell'altro. Io ho voglia di vederlo anche se fuori si gela, anche se sono drogata dagli psicofarmaci che mi tengono rilegata a letto, anche se a volte uscire senza soldi mi pesa maledettamente, anche se ho un umore nero, perchè so che tutto questo si annullerà nel guardarlo e lui, ha voglia di vedermi anche dopo una giornata a lavoro e una serata intera a scuola, anche se sa che molto probabilmente dovrà subirsi uno dei miei sfoghi, perchè sto male, per la dieta sempre indecisa se stare dentro o fuori e per la mia vita che è vuota e non ha un fine un progetto lavorativo, vivo le giornate alla cieca aspettando che qualcosa cambi, quando dovrei essere io a cambiare le cose, ma non ho interesse verso nulla.
Non credo in niente, non credo in me, è inutile cercare un lavoro tanto non lo trovo, inutile trovarlo tanto ne ho paura e non saprei tenermelo..
Inutile desiderare qualcosa, tanto non ho i soldi ...
Ora ben due amiche di R hanno organizzato due cene, e già una ce n'e stata la scorsa settimana, in più e prevista una serata in discoteca , tutte cose che non posso fare, non ho i soldi e non voglio che sia R  a pagare, anche perche rimarrebbe il problema regalo .
Ma anche rinunciare mi scoccia perchè so che di conseguenza rinuncia anche lui e io non voglio.
Già una sua amica gli ha detto che non ci facciamo mai vedere e che cosi rischiamo di allontanarci dal gruppo, io in quell'occasione non c'ero e R le ha risposto che ha già poco tempo a disposizione e quel po' preferisce passarlo con me, lei le ha detto di fare lui che sa e lui ha fatto spallucce.
Sono molto orgogliosa del mio amore, una dichiarazione del genere davanti a tutti e da vero cavaliere, ma non voglio che si allontani per colpa mia dalle sue amicizie, io non voglio essere un limite e per quanto lui lo neghi è cosi, io sono un limite. Perchè se non ci fossi stata io lui sarebbe sempre uscito, avrebbe partecipato alle cene e ai compleanni e alle serate in discoteca...
E quel che è peggio è chi non posso nemmeno dare la colpa alla crisi, la colpa è mia che mi sono fatta battere dalla paura, mia che a 20 anni non ho uno straccio di diploma.
Io amo R più della mia vita, per questo rinuncio ai lavori in discoteca, rinuncio alle serate a ballare fuori con le amiche, anche se lui non me lo ha mai imposto e ha cercato di sopportarle io sapendo che lui stava male non mi divertivo e stavo male anche io quindi ho lasciato perdere.
Per lui sopporto ed esco con un gruppo, il suo, dove ci sono ragazze dai 19 ai 21 anni realizzate con un lavoro fisso e la macchina, e io non ho nulla.
R poi è magrissimo e io voglio essere al suo livello, certo la sua è costituzione, ma posso farcela comunque, devo, anche perchè se no durante i rapporti ho sempre l'ansia di fargli male con il mio peso.
Ah oggi il dottore mi ha detto che sono anemica e mi ha pregato di tornare a farmi seguire dalla clinica di dca, se voglio che l'assistente sociale mi aiuti dovrò farlo, quindi ho detto di si. Andrò li ad annuire e a sparare una marea di cazzate, io non voglio guarire, io voglio che Ana mi divori fino all'osso, voglio i 42- 40 kg nn so fare nient altro nella vita, solo farmi male e forse dimagrire.
Rox

venerdì 13 gennaio 2012

risposta ai commenti - GIULIETTA LEGGI

Anonimo visto che la tua è la domanda più breve sono alta 1,61.
Ringrazio tutte le altre per il sostegno, è molto confortante sapere che non sono sola,anche se mi dispiace molto vedere quante di noi si bruciano una vita per stare appresso a una dieta.
Ora Giulietta è con te che voglio parlare.
Tu vuoi essere come noi, ma noi ti sembriamo felici? Ci squarciamo la pelle, abbiamo crisi di panico, non sappiamo più cos'è un sorriso vero perchè ormai una maschera falsa ci si è incollata sul volto soffocandoci, non sappiamo goderci una semplice cena fuori con gli amici, non riusciamo nemmeno a prendere dei pop corn al cinema, fissiamo ogni angolo contenente cibo, ogni negozio, ogni persona che mangia, mezze schifate e mezze invidiose.
Ana non è la via della felicità, Ana ti ficca in una prigione vuota e buia dove non riesce a entrare nulla, nè l'amore di chi ti è intorno, nè il tuo amore verso gli altri, non entra la vita, non entra luce.
Ti lascia li dentro e ogni volta che dimagrisci anche la prigione si restringe cosi che tu ci possa stare sempre stretta, cosi che tu non possa mai accorgerti di quanto sei cambiata.
Una dieta sana e non ossessiva invece può farti dimagrire davvero, darti dei buoni, ottimi risultati che mantieni nel tempo, che non si cancellano con un abbuffata e ti lascia la tua vita soprattutto, la mente ha spazio anche per altro, per l'amore, per gli amici, per gli studi o il lavoro, per i tuoi hobby.
Io ho voluto a  tutti costi entrare in questa prigione e mi sentivo potente, pensavo fosse il mio regno di onnipotenza e invece ora mi rendo conto che sono schiava del cibo e mi umilio ogni volta che lo ributto nel cesso, vergognandomi per i sacrifici che la mia famiglia fa per farmelo avere, vergognandomi per aver fallito di nuovo.
Io ancora non sono pronta per uscirne il mio bisogno di farmi male aumenta con tutti i miei errori, so che continuerò a stare qui dentro alla ricerca del peso perfetto, nella speranza di accorgermi che la prigione è enorme e io sono minuscola, ma so che non accadrà mai.
La vita è tua decidi se tenertela o buttarla  via.
Rox

giovedì 12 gennaio 2012

game over

Ma davvero la mia vita può dipendere dal mio peso, davvero questo può annullare l'importanza di un amore meraviglioso come quello che ho trovato io, più unico che rro, annulla l'interesse che ho per lavorare, ho mandato in fumo tutti i miei progetti per 400g in più, una crisi di panico e non sono andata a lavoro, addio palestra, addio regalo per il mio amore, visite mediche, indipendenza economica, progetti vari, addio tuto. Mi ritrovo solo con un fallimento in più e tanto buio intorno a me, una sfilza di tagli e la depressione che si nutre pian piano della mia vita 
Rox

mercoledì 11 gennaio 2012

ho paura


Un attacco di panico è un periodo di paura o disagio intensi, tipicamente con un inizio improvviso e solitamente della durata inferiore ai trenta minuti. I sintomi includono tremore, respirazione superficiale, sudore, nausea, vertigini, iperventilazione, parestesie (sensazione di formicolio), tachicardia, sensazione di soffocamento o asfissia. La manifestazione è significativamente diversa da quanto avviene negli altri tipi di disturbi di ansia, in quanto gli attacchi sono improvvisi, non sembrano provocati da alcunché e spesso sono debilitanti. Un episodio è spesso categorizzato come un circolo vizioso dove i sintomi mentali accrescono i sintomi fisici, e viceversa.
La maggior parte delle persone che ha un attacco, poi ne ha altri in seguito. Se una persona ha attacchi ripetuti, oppure sente una forte ansia riguardo alla possibilità di avere un altro attacco, allora si dice che ha un "disturbo da attacchi di panico" o DAP.
La maggior parte delle persone che soffre di attacchi di panico riferisce paura di morire, di “impazzire” o perdere il controllo su emozioni e comportamento. L'esperienza generalmente provoca un forte bisogno di evitare o scappare dal posto in cui comincia l'attacco (risposta “fight or flight”) e, quando è associata a dolori al petto, tachicardia e respiro affannoso, porta a cercare aiuto presso servizi sanitari d'emergenza.
e persone con fobie esperiscono attacchi di panico, spesso come risultato diretto dell'esposizione al loro elemento scatenante. Questi attacchi di panico sono di solito brevi e si attenuano rapidamente una volta che è stato evitato l'elemento scatenante. In condizioni di ansia cronica un attacco di panico può spesso finire in un altro, portando ad un esaurimento nervoso nel giro di pochi giorni e a comportamenti di evitamento. Quando si instaura una sindrome da attacco di panico l'elemento predominante che si impadronisce del soggetto affetto è "la paura della paura". Infatti quasi sempre, tra un attacco e l'altro l'individuo vive nel terrore che si possa ripetere l'attacco di panico. Secondo qualcuno, coloro che soffrono di Disturbo di Panico portano in sé una forma di depressione reattiva cioè dovuta alla condizione in essere. Alcune ricerche sull'eziologia del disturbo sono indirizzate, dalle neuroscienze, verso una base biogenetica: la mancata ricaptazione della serotonina (neurotrasmettitore delle sinapsi chimiche) sembrerebbe essere fra le cause di attacchi di panico. È stato chiamato in causa il gene numero 5 preposto al controllo della serotonina. Per chi soffre del disturbo, un aspetto importante per avere padronanza sugli attacchi di panico sarebbe il saper riconoscere variazioni ordinarie: molte volte variazioni fisiologiche normali del nostro organismo possono indurre attacchi di panico in questi pazienti. Per esempio lo sbalzo termico che il nostro corpo può avere spostandosi da un ambiente più aerato ad uno più chiuso; oppure una palpitazione del nervo vago dovuta al sistema vegetativo, o altro come, a volte succede, sentirsi la famosa testa vuota, confusa. Anche elementi percettivi possono far scaturire nelle persone predisposte dei veri e propri attacchi di panico come ad esempio la variazione della luce. Secondo l'approccio cognitivo-comportamentale imparare a riconoscere questi aspetti normalissimi possiamo cominciare già in un certo qual modo tenere a bada un improvviso attacco di panico. sintomi di un attacco di panico appaiono improvvisamente, senza alcuna causa apparente. Possono includere:
  • Aumento della frequenza cardiaca o palpitazioni
  • Aumento della pressione arteriosa a valori molto elevati
  • Cefalea
  • Confusione mentale (difficoltà nell'organizzare pensieri)
  • Sudorazione
  • Dolori al petto
  • Vertigini, stordimento, nausea, conati di vomito, senso di sbandamento
  • Difficoltà di respirazione (dispnea), affanno
  • Formicolio o intorpidimento alle mani, al viso, ai piedi o alla bocca
  • Grida ed urla strazianti
  • Incapacità di comunicare a voce
  • Nodo alla gola
  • Rossore al viso e al petto o brividi
  • Sensazioni di sogno o distorsione percettiva (derealizzazione)
  • Dissociazione, percezione che non si è connessi al corpo o perfino che si è disconnessi dal tempo e dallo spazio (depersonalizzazione) o ci ai sente come un automa
  • Terrore, una sensazione che qualcosa di inimmaginabilmente orribile sta per succedere e si è impotenti per prevenirlo
  • Parti distali fredde e sudate (mani e piedi)
  • Paura di perdere il controllo e fare qualcosa di imbarazzante o di diventare matti
  • Paura di morire
  • Paura e sensazione di svenire
  • Sensazione di morte imminente
  • Sensazione di lingua e bocca asciutta
  • Sapore metallico in bocca
  • Tendenza all'elaborazione ipocondriaca (timore di essere vittima di un male oscuro)
  • Tremori fini o a scatti
  • Vampate di calore o brividi di freddo
  • Pianto
  • Sensazioni di rivissuto (deja-vu)
Un attacco di panico tipicamente dura dai 2 agli 8 minuti, ci sono casi però in cui possono durare anche molto di più dalle due alle tre ore.
Possono presentarsi i cosiddetti "campanelli d'allarme" che includono una sensazione d'ansia,agitazione lieve/media, sensazione di paura che capiti qualcosa di disastroso, affanno, respirazione corta e confusione mentale.
Spesso i sintomi variano da un attacco all'altro, tendenzialmente un attacco di panico non ha uno schema preciso,dipende da molte varianti e questo può trarre in inganno il paziente che ne soffre portandolo a non riconoscere immediatamente un attacco di panico.
In ogni caso l'attacco di panico ha tendenzialmente questi sintomi: per primo arriva l'improvviso inizio di una paura con poco o nessuno stimolo. Questo porta al rilascio di adrenalina (epinefrina) che causa la cosiddetta risposta “combatti o fuggi”, per cui il corpo si prepara ad un'attività fisica importante. Questo porta a sua volta ad una frequenza cardiaca accresciuta (tachicardia), respirazione rapida (iperventilazione) e sudorazione (che aumenta la presa e aiuta la perdita di calore). Siccome l'attività vigorosa succede raramente, l'iperventilazione porta ad abbassare i livelli di anidride carbonica nei polmoni e quindi nel sangue. Questo porta al cambiamento di pH del sangue che a sua volta porta ad altri sintomi, come formicolio o intorpidimento, vertigini e stordimento. Da parte di qualcuno è anche possibile sentire di non essere in grado di trattenere l'aria che si respira, e di conseguenza cominciare a respirare più profondamente: anche questo fa decrescere i livelli di anidride carbonica nel sangue.Se sentite alcuni dei sintomi sopra elencati e sentite che state per avere un attacco, sospendente qualsiasi cosa fate,cercate di stare tranquilli e se i sintomi non regrediscono e si sviluppa l'attacco di panico, può essere d'aiuto ispirare lentamente con il naso ed espirare con la bocca (come se si stesse raffreddando un cucchiaio di minestra soffiando), muoversi camminando (aiuta a scaricare l'adrenalina); è sconsigliato sdraiarsi perché il corpo non riesce a smaltire l'adrenalina, prolungando così l'attacco di panico. Può essere utile avere una persona accanto con cui parlare o chiamare qualcuno: la cosa fondamentale è distrarsi allo scopo di allievare i sintomi. Ad ogni buon conto, se non siete sicuri che si tratti di un attacco di panico o sentite per la prima volta questi sintomi, è bene rivolgersi a un medico o farsi portare in un pronto soccorso per accertamenti medici.

lunedì 9 gennaio 2012

Ciao ragazze, mi sto rendendo conto di quanto poco tempo trascorro in questo blog e di quante cose mi capitano nell'arco di tempo che non scrivo... quindi mettetevi comode perchè ne avr per molto, necessito davvero di uno sfogo e mi sento come un fiume di pensieri in piena, pronto a esplodere, spero di riuscire a organizzare il tutto.
Pochi giorni prima di Natale ho trovato un lavoro, finche non firmo il contratto non sono sicura al 100%, ma questo avverrà tra una settimana quindi mi sento di essere positiva, dovrei lavorare in un call center, fisso di 400 euro se faccio sei giorni su sei e poi ci sono le provvigioni.
Sono solo 4 ore al giorno, perciò posso cercarmi un lavoretto secondario per arrotondare o dedicare il mio tempo a studiare prepararmi all'esame da privatista, ma questo è un progetto che sto seriamente pensando di abbandonare, per il semplice fatto che costa 100 euro e le spese che si prospettano per febbraio, le piu urgenti diciamo sono:
250 euro di palestra, abbonamento semestrale + certificato medico+ iscrizione + tuta, ok forse per qualcuno non è una cosa cosi fondamentale ma per una pseudo anoressica di 20 anni che ha il corpo di una di 50, moscio e bucherellato è urgente, anche perche se mi iscrivo subito e pago subito possono poi anche licenziarmi, io ormai l'abbonamento l'ho fatto e sono a posto. Conto quest'estate se non di finire la dieta almeno di essere 45 kg e avere un corpo un po' piu decente.
Se già ero fissata prima adesso ke ho un ragazzo con una tartaruga perfetta che pesa la bellezza di 55 kg e che non riesce a ingrassare nemmeno dopo sei panini straripieni di tutto, consecutivi... beh diciamo che la fissa aumenta.
Poi lui sa che io voglio dimagrire, è contrario, ma in ogni caso potrebbe pensare che per fortuna parlo parlo ma non concludo niente e la cosa mi scoccia parecchio.
Torniamo alle spese.
Credo almeno 70, 80 euro di detartrasi, avrei voluto farla a mutua, ma mi hanno rubato 25 euro per rompermi i maroni sui piercing e poi rimandare il lavoro a ottobreeee!!! Se aspetto resto senza denti e comunque dovrei pagare ancora, tanto vale spendere una volta sola, ma in tempo. Che ladri sti stronzi dell'asl, nemmeno i privati ti fanno pagare il preventivo, in genere si paga solo il lavoro e invece sti bastardi si permettono certi lussi.
Comunque...
Altri 20 euro mi servono per il cardiologo
20 per il gastroenterologo, il mio dottore trova strano che io vomiti da tre anni ....
E poi il ginecologo, anche li saranno 20 euro e poi ho 40 euro di medicine.
Ma comunque saranno spese che non farò queste ultime,per ora mi interessa la palestra e il dentista e se riesco devo ricomprarmi gli occhiali da vista, perche ieri sera li ho persi in discoteca e oggi ho messo le lenti a contatto, ma la gradazione non è del tutto adatta quindi mi provocano mal di testa anche perche non sono abituata.
Sempre poco prima di Natale mia sorella A ha tentato il suicidio, mi ha detto che le mancavo, che si sentiva in colpa per come si era comportata con me, che sa che non cambierà mai ecc... siamo rimaste che tentiamo di avere un rapporto ma molto graduale, ci parliamo ci confidiamo, ma manteniamo le nostre vite separate, usciamo poco insieme.
Le feste di Natale mi sono costate 800 g che ho riperso in due giorni tonando al mio monotono 49, gradito comunque rispetto a qualsiasi cifra superiore.
Poi io la mia migliore amica S, mio fratello G e il mio ragazzo R siamo partiti, siamo andati in montagna per festeggiare il Capodanno.
Niente sesso purtroppo, sta maledetta pillola mi ha dato un ciclo che è a 20 giorni e non è ancora finito, ma abbiamo ovviamente trovato altri modi =)
Cmq è stata un sogno di vacanza.
Abbiamo viaggiato cantando a squarciagola Liga, Max Pezzali, Masini e tutte le nostre canzoni, S si era mangiata una radio parlava tantissimo, ha letto un solo libro nella vita e ha smaronaato le palle fino a che non lo ha finito ahahhah  e io e R non sempre l'ascoltavamo ogni tanto ci perdevamo a lanciarci qualche sorriso o a stringerci la mano per l'emozione e la felicità di stare a realizzare il nostro sogno, quello di passare la notte insieme,di addormentarci abbracciati comodi in un letto, sotto le coperte.
Quando siamo arrivati, abbiamo subito collaudato il letto e poi la doccia, ci siamo presi un po' di tempo per noi e la prima sera S e G sono andati sulla neve (artificiale =( ) da soli perche io e il mio amore eravamo stanchi e ci sentivamo una coppia sposata a cena io e lui. Anche se in realtà io non mangiavo XD Abbiamo parlato tanto quella sera, gli ho raccontato che a casa mia il cibo è sempre stato oggetto di foga, perchè quando si è poveri non sai mai quanto cibo avrai sul piatto e per quanto e che questa dipendenza mi ha provocato una certa antipatia sul mangiare, antipatia già esistente per le botte di mia madre.
Il primo giorno devo ammettere che ci siamo un po' isolati, ma mentre G ha compreso la foga che può avere una coppia di piccioncini innamorati di starsene a coccolarsi nel nido d'amore almeno il primo giorno, S non ha capito e si è lamentata.
Si è lamentata spesso anche del poco interesse che R aveva nel parlarle, ma in realtà non era cosi, è solo che era molto concentrato su me e su mio fratello, ha una stima cieca per lui e vuole piacergli e infatti ci è riuscito.
A capodanno io ed R abbiamo fatto i genitori apprensivi e abbiamo passato tutta la sera a rincorrere S e G che erano ubriachi fradici, e che fatica caricarli!!! Per in conca siamo riusciti anche a ballare un po' e soprattutto a stringerci all arrivare dell'anno nuovo.
E' stato bello andare in cima alle montagne con R, tuffarci sulla neve o la serata trascorsa in un pub rustico molto caldo e intimo.
E stato bello vederlo scherzare con G ed S, ci siamo presi tutti a cuscinate ed S per sbaglio mi ha anche spezzato un dente, altro momento di crisi dove R mi ha calmata.
Mi ha sentita vomitare spesso, infatti anche il capodanno non l'ho pagato sono arrivata con 48.9 kg.
Non me l'aspettavo infatti la sera prima di partire sono andata in crisi d'ansia , ho pianto ma lui mi è stato vicino.
Per mi ha vista troppe volte svenire, mi ha portata anche in ospedale qualche giorno fa e io l'ho visto stare troppo in pensiero per me, non voglio. Non so mentirgli, gli ho detto che ho intenzione di proseguire ancora con la mia dieta e su questo non gli mentirò mai, ma far di tutto per nascondergli quando mi sento male.
Perchè se soffro io soffre lui, e se soffre lui io soffro ancora di più.
La soluzione sarebbe lasciare Ana, ma inutile fingere, non riesco, non voglio.
Il mio progetto è sfondarmi di palestra al mattino, pranzare, riposarmi un po' e correre al lavoro da dove se faccio il secondo turno, cosa mooolto probabile esco alle nove, tornare a casa e collassare oppure vedere il mio amore.
So che la salute continuerà a risentirne, gia adesso svengo una volta al giorno e sto sempre a vomitare e in tachicardia pero purtroppo non riesco a frenarmi.
Domani dovrei fare u inventario e un altro lunedi 16, sono 100-120 euro in più in saccoccia speriamo bene =) in piu 14 euro per le ripetizioni =)
Chissà perchè l'amore mi ha cambiata in tutto tranne che con Ana, che resta il mio desiderio più ardente, ci che voglio pur sapendo perfettamente che uccide...eppure io non voglio morire.. ma voglio stare male, voglio essere magra da far schifo, chissà perchè...
Ieri sera sn andata a ballare con le mie amiche, quando stavo con C se andavo a ballare se non lo cornavo tutto il tempo non ero contenta o perlomeno pensavo ad accalappiare maschi anche solo per farmi guardare ballarci insieme e poi mandarli via.Ieri per me di maschi non ce n'erano, non mi importava nulla ho passato la serata con in testa R e il cell sempre in mano a zonzo per la disco sola come una cretina per cercare un posto in cui prendesse...
Sono davvero persa di lui e farei davvero qualsiasi cosa, spero proprio di potergli regalare la tuta della monster anche se costa 80 euro =/
Però non riesco a lasciare Ana, non riesco nemmeno a volerlo, nemmeno dopo quello che è successo a Deva, vorrei solo non esserci mai entrata ,ma ormai che sn in ballo non riesco a smettere di ballare e ho preso la malsana abitudine di tenermi a forza il pranzo sullo stomaco, di cenare e poi vomitare tutto insieme.
Ultimo fatto fresco, mio padre si è giocato tutti i soldi della cassa integrazione dovremo vivere due mesi con 100 euro, mission impossible....
Io non posso farci nulla cosi mi diverto a ferirlo, l'ho messo ko dicendogli che i dottori mi hanno detto che rischio di morire per arresto cardiaco. che mi servono soldi per curarmi, ma visto che come dice lui, lui è un uomo libero e i soldi se li è spesi, io non potrò curarmi.
L'ho davvero steso...
In fondo nn è una balla totale ,le medicine mi servono davvero e il mio cuore sta mostrando cedimenti davvero, respiro male, i bassi della disco mi hanno sfondata e ho sempre il fiatone e la tachicardia, il dottore mi ha fatto un elenco di medicine da prendere per un tot di 40 euro e io nn ho soldi... ok non sto morendo... ma gli sta bene ...uomo libero? è imprigionato piu di me e la mia prigione sarà la sua punizione.
G gli ha detto riferendosi a me - Già e un osso, ora che non c'è cibo diventerà ancora più ossuta, se muore segnatelo sulla coscienza -.
Siamo davvero perfidi ahahhahahh
Ok scusate sono in delirio, troppi sfoghi.
A presto bimbe, spero la prossima volta di avere un unica novita 48 kg =)
Rox