martedì 5 luglio 2011

seguire l'impulso del momento

la regina della fuga, avida, infantile ed egoista, segue l'impulso del momento, vuol essere totalmente negli occhi e nel cuore di qualcuno, si pone con aggressività e i suoi occhi raccontano solitudine mentre la sua bocca ripete - chi se ne frega -.


Oggi sono stata dalla psicologa, aggiungerei finalmente. 
Dice di aver notato dei miglioramenti in me, ho controllato anche se per poco la mia aggressività, dice che mi sono posta in maniera diversa nei suoi confronti. Ha ragione, ho disperatamente bisogno di capirmi e mi sembra che lei lo sappia fare, perciò desidero incontrarla, non mi va di perdere tempo con le discussioni sui ritardi o qualcos'altro, voglio dirle ciò che mi succede e voglio che lei mi dica che ne pensa. 
Oggi è uscito fuori, che non so cosa voglio, che seguo ciò che il mio mio istinto mi fa sentire al momento, infatti con C a volte sto bene altre no, quindi a volte voglio stare con lui e a volte no. Non mi piace decidere, non mi piacciono le responsabilità, mi sento maledettamente sola, dico chi se ne frega continuamente perchè ci sto talmente male per tante cose che preferisco tenere la distanza. Mi ha anche detto che l'esperienza con mia sorella è stata traumatica per me e che ho ragione a pensare che scusarsi in realtà non è che una semplice formalità, ti do uno schiaffo e poi chiedo scusa, che senso ha? se ti voglio bene lo schiaffo non te lo tiro. Preferisco chi non si scusa, ma cambia, che chi si scusa ma poi ripete. 
Non mi piace perdonare, lo faccio con riserva, nascondo la macchia del rancore, ma non la faccio sparire. C, pensa a se, non a me, forse forse a noi, ma non a me. 
In effetti oggi ne ho avuto la prova, l'unica cosa che gli importava sapere riguardo a tutto il mio colloquio era quello che la psicologa mi aveva detto di lui e noi.
Ora stiamo discutendo, lui non si accorge che le cose tra noi non vanno affatto bene, se si accorge che non ho voglia di coccolarlo, baciarlo o dirgli ti amo, anzi di lasciarmi spazio lo invade, mi mette in difficoltà mi dice un milione di ti amo sperando che io risponda - anche io - ma sarebbe una tiritera ipocrita, una risposta di circostanza, detta perchè ci sta bene e allora io gli faccio male sperando gli passi la voglia di rifarlo, non rispondo o me ne esco con un idiota grazie  o lo so. Mi bacia, nota che non ho voglia e che fa?  Mi prende a forza, mi stringe, mi bacia anche se non voglio e poi si lamenta - Ma perchè ti stacchi? -. No, la domanda è la mia, ed è - Perchè non ti stacchi tu? - cioè se io vedo che l'altra persona non è in vena di moine, lascio perdere non mi accollo come una cozza, è solo peggio. 
E' innamorato di me ed ha cosi paura di perdermi che mi giustifica l'ingiustificabile.
Aveva pensato di andare tre giorni al mare con me, era una cosa carina, l'ennesimo progetto che gli smonto. 
Ho detto che non sapevo ne se volevo ne se potevo andarci. 
Poi ho saputo che potevo, ma non avevo ancora capito se volevo. 
Mi ha detto - Amore alla fine se non vuoi fa niente - dopo aver cercato di convincermi in ogni modo. 
- Ok allora niente - ho risposto io .
- Eh ma vedi, ogni volta che si tratta di fare qualcosa insieme non vuoi mai, non è normale -. 
Ha ragione, non è normale, non è cosi che si comporta una coppietta di innamorati. Dovremmo aver voglia e curiosità di stare insieme, io non me lo ricordo cosi l'amore. Quando stavo con il mio primo amore desideravo trascorrere giornate intere con lui, non che la cosa non mi avrebbe messo ansia o spaventata, ma la voglia era più forte. Invece con C non voglio mai fare nulla,mi sento sempre chiusa e soffocata e non è normale. Non posso amarlo a ore. 
Per messaggio dopo che sono scappata dalla sua macchina di corsa per fuggire alle sue slinguate che avrebbero dovuto sedurmi e invece mi hanno solo fatto girare le palle, mi ha chiesto scusa per come si era comportato e che c'era rimasto male perchè  ha visto una favola annullarsi, che una cosa che poteva essere carina per me invece era solo un peso e un'angoscia.  Gli ho detto che con me sarà sempre cosi. 
Mi ha risposto - Fa nulla - -_-''' 
- Non è vero - ho detto io. 
Si è messo a scherzare sperando di sistemare le cose, dicendomi - Il bello della nostra coppia è che non ci si annoia mai -. 
- Si ma io sono stanca - ho detto. Come può non capire che questo non è un film, lui guarda ciò che ci succede da fuori e allora la storia è avvincente perchè succede sempre qualcosa, ma in realtà noi ci siamo dentro e tutto questo è stressante, io non voglio giocare a fare la fidanzata, non mi serve l'imprevisto, voglio la serenità per entrambi. 
Cmq la sua risposta è stata che prima sembrava che andasse tutto bene, riferito al momento in macchina. 
Andava tutto bene? Non volevo baciarlo, gli ho detto che non so se lo amo, che un momento lo voglio e l'altro no, sono scappata infastidita dai suoi baci, dalla sua vicinanza e per lui andava tutto bene?
Scrivo -Per me no -. 
Dice che gli spiace perche ci attacchiamo per cose futili che se prese nel modo giusto si risolverebbero.
Io - A me spiace che tu sei accecato dall'amore e hai talmente paura di perdermi che non vuoi vedere -. 
 C - Non vedo cosa? -.
Io - Che cerchi di aggiustare qualcosa che è distrutto, che io non ti aiuto, guardo e basta e se mi gira spascio ancora di più -. 
C - Non ti è mai venuto il dubbio che io sono perfettamente consapevole di questo tuo modo di essere ma che non mi fa paura perche ti amo e voglio affrontarlo lo stesso con te? -.
Io - si ma siamo una coppia le cose si fanno in due io invece non faccio niente -. 
Ed ecco che mi giustifica e si prende la colpa - Sei esattamente come ero io alla mia prima storia, una parte di me voleva fare le cose l'altra era in ansia perchè non c'era abituata e si sentiva strappata ai suoi spazi sono stato stupido io a non fare le cose con calma, la fretta di creare subito qualcosa di importante per evitare di perderti stava facendo succedere l'effetto opposto a quello voluto , stiamo insieme da 5 mesi e io mi comporto come se fosse passato un anno -. 
La mia mega risposta? 
Boh non lo so... 
Cmq ora qualcosa da dire ce l'ho e gliela dirò...
Mamma mia quanto sono complessa ragazze, per questo amo ana,lei mi rende semplice, me e la mia vita, divento una marionetta vuota che segue semplici regole, chiare, ovvie... nient'altro che questo...
Un bacio scusate il monologo.
Rox

Nessun commento: