mercoledì 12 gennaio 2011

il verso giusto

Ciao ragazze, scusate lo so ultimamente nn sono molto presente, ma le cose stanno cambiando nella mia vita e io sono sempre molto occupata, ma stasera voglio raccontarvi tutto, proprio tutto, quindi mettetevi comode perchè ci sarà un bel po' da leggere. 
I nove giorni che ho trascorso in montagna con G, mio fratello ed S la mia migliore amica, sono stati i più belli della mia vita, si è vero abbiamo mangiato tanto e io sono ingrassata, ma la cosa non mi interessava perchè andare li con loro è stato come uscire dal mondo, da me stessa anche, si non mi importava di quello che facevo o dicevo, tutto ciò che è accaduto li non appartiene alla normale me, infatti io non faccio tutti i pasti, non esco ogni giorno, non sono spigliata, non sono facile o puttanella, non sono felice,ma li ero e avevo tutto questo. 
Il viaggio è stato avventuroso ed emozionante, eravamo tutti e tre pieni di adrenalina, felici, emozionati, non ci sembrava vero che stessimo davvero per iniziare la nostra vacanza, una vera e propria prova di convivenza, che ha funzionato perfettamente, infatti ci dividevamo i compiti in casa, abbiamo speso pochissimo per la spesa di dieci giorni e siamo riusciti anche ad uscire.
La vigilia di capodanno durante e dopo il cenone abbiamo bevuto come non so cosa, eravamo ubriachi e siamo andati in conca a ballare sulla neve, io non capivo nulla ero sballatissima, tanto che sono stata eletta miss maiala 2011 perchè ho dato il mio reggiseno, in regalo c'era un bicchierino di rum, ho anche baciato il dj. Poi è partita una sfida tra me ed S, la mia best, a chi si baciava più tipi, ne ho baciati dieci diversi, un barista mi ha presa in antipatia e mi voleva mettere la testa sul braciere e io da cretina ho risposto con una battuta di aldo, del trio aldo giovanni e giacomo - Per caso ti ricordo qualcuno che ti ha picchiato da piccolo? - ahahaha.
Poi sono anche caduta per andare in bagno, qualcun alto mi ha spinto, mi ha presa per i piedi e mi ha trascinata per tutta la neve che risate, io urlavo chiedendo aiuto e la mia amica non riusciva a soccorrermi perchè si stava pisciando addosso dal ridere. 
Alla fine la sfida è finita 10 a 6 per me. 
La sera dopo io ed S siamo uscite da sole, io ero di nuovo ubriaca, dovevo eliminare ogni traccia di alcol in casa, in più con gli antidepressivi l'alcol ha un effetto tosto. 
Cmq siamo andate in un pub, dove abbiamo rimorchiato due albanesi e diciamo che ci siamo spinte entrambe a vari strusciamenti e baci nascoste nei vicoli del paesino, dove tra l'altro io fermavo i tipi per fare gli auguri o per dirgli che erano belli hihihi.
Il giorno dopo mi sono sentita in colpa per come mi ero comportata , non è da me essere cosi leggera, ho pianto e mi sono tagliata, ma è successo solo quel giorno  e per me è un record. 
Ho sofferto molto il distacco da quella vita, al mio rientro ho scoperto che mio padre si è giocato oltre seicento euro, di cui 300 gli ha rubati a mio fratello che poverino lavora come un mulo per guadagnarseli e gli altri erano il regalo di natale mio dell'altro mio fratello piccolo e di mia sorella. 
Non me ne frega proprio nnt della sua malattia, vorrei proprio sentire cosa ha da dire quel misterioso Marco che me ne ha dette di tutti i colori proteggendo mio padre, cos'è la sua malattia si giustifica e la mia no? 
Va beh...
Il ritorno alla vita mi ha gettata in una profonda depressione, il mio corpo cosi diverso, quelle forme, gli occhi addosso dei maschi, tutti a dirmi che stavo meglio, i pantaloni che nn mi entrano più... sono stata davvero male ma non mi sono dedicata soltanto alla disperazione, no, ho semplicemente ripreso in mano la mia vita, ok qualche lacrima, qualche taglio, qualche goccia extra di antidepressivi, ma intanto ho ripreso la mia dieta. Vado a correre un giorno si e un giorno no, e mi concedo un unico pasto, il pranzo, che è sempre un pasto leggero, bevo molto e se sgarro vomito. 
Ho perso un chilo e cento grammi, peso 51.9, mi fa ancora tanto schifo questo peso, ma non mollo, sarà bello riconquistare il mio corpo e stavolta non lo perderò più, perchè ora so quanto conta per me. 
Nella mia crisi depressiva avevo deciso di mollare definitivamente la scuola, ma poi S, mi ha detto delle parole significative, mi ha detto che credeva in me, che io potevo farcela, che questo era il momento di dimostrarle che per lei avrei fatto tutto, e allora ho messo via le mie crisi di panico, mi sono vestita e ho ripreso la scuola, che è iniziata con un bellissimo otto di psicologia. 
Intanto ho anche rivisto C, il ragazzo che mi piaceva di mente ma non di corpo, beh tra noi è nata un attrazione anche fisica, ci siamo baciati coccolati, vuole stare insieme a me, ora sta solo a me decidere se voglio o  no. Io voglio, ma mi piace tenerlo sulle spine. 
Ok fisicamente nn è un figo, ma è uomo, nel senso che è maturo, ha bisogno di proteggermi e io di essere protetta, gli ho detto tutto di me, le peggio cose, sperando che scappasse ma lui nn lo ha fatto, io con lui mi sento al sicuro. Non vedo l'ora di vederlo!!!
Forse il ragazzo che esce con mia sorella mi ha anche trovato un lavoretto in un call center, quattro ore al giorno, speriamo bene. 
Sembra che le cose stiano andando per il verso giusto. 
Ho trovato un ragazzo che mi piace, ho ripreso la scuola, forse troverò lavoro, ho degli amici stupendi, con  mia sorella vado d'accordo e soprattutto la fame è sparita e Ana è di nuovo dentro di me. 
Speriamo arrivino ottimi risultati. 
L'unico neo in tutto questo è mio padre, ma nn mi importa, pagherà con la mia malattia, pagherà con la mia indifferenza, pagherà...
Un bacione ragazze e scusate ancora l'assenza
Rox

Nessun commento: