domenica 28 novembre 2010

COME FACCIO A DIMAGRIRE?


Fai attività aerobica a digiuno. Molti studi evidenziano come il nostro corpo incenerisca letteralmente il grasso, quando viene svolta attività aerobica per una trentina di minuti al mattino, appena alzati. Essendo il nostro organismo a digiuno da tutta la notte, il livello di zuccheri circolanti risulta molto basso e questo permette l’utilizzo di molti più grassi di deposito per produrre energia. Eccoti servita un’altra buona idea per dimagrire velocemente. 
N.B. prima dell’attività fisica a digiuno bevi 1 o 2 bicchieri d’acqua insieme ad un termogenico e a della carnitina: il tuo corpo brucerà grasso a un ritmo incredibile.
Gli alimenti che contengono carnitina sono diversi : carni, latticini, noci, semi, legumi, carciofi, asparagi, barbabietole, broccoli, cavoletti di bruxelles, aglio, prezzemolo, albicocche, banane, grano saraceno, granturco, miglio, farina d’avena, crusca, frumento integrale, germe di grano, polline, lievito di birra, carruba, verza etc 
La carnitina trasporta gli acidi grassi nei mitocondri, aiutando così il consumo e l’eliminazione dei grassi ecco perchè è spesso utilizzata negli integratori dimagranti.

Cibi Termogenici per Dimagrire Velocemente   
 
  Quando si cercano informazioni dettagliate in fatto di nutrizione, sia in rete che altrove, spesso capita di imbattersi in strani “paroloni”: uno di questi è “termogenico”. 
Questo termine, di derivazione greca, significa letteralmente “generatore di calore”. Tutti gli alimenti, in realtà, sono termogenici, nel senso che l’organismo per assimilarli utilizza energia e quindi genera calore. 
Tuttavia, con la definizione di “cibi termogenici” si classificano quegli alimenti che più di altri favoriscono la termogenesi alimentare, e quindi implementano la quantità di energia e di calorie bruciate semplicemente per il fatto di essere ingeriti. 
L’effetto termogenico del cibo, infatti, varia a seconda dei nutrienti che lo costituiscono: quelli a più alto potere termogenico sono le proteine, seguite dai glucidi (carboidrati) e infine dai lipidi (grassi). 
Per comprendere questa differenza, bisogna partire dal presupposto che il valore termogenico medio del cibo è calcolato intorno al 10%. In altre parole, se un alimento contiene 100 calorie, l’organismo per assimilarlo ne impegherà 10. E’ questo il motivo per cui, una volta stimato il fabbisogno calorico giornaliero, è possibile incrementarlo del 10% senza avere conseguenze sul proprio peso. 
Questa percentuale media, però, cambia notevolmente in base alle tre categorie di nutrienti. Nelle proteine, infatti, il valore termogenico è pari al 30%; nei carboidrati al 7%; nei grassi al 3% dell’energia fornita. 
A parità di calorie assunte, dunque, per perdere in poco tempo i chili di troppo è bene privilegiare gli alimenti ad alto valore termogenico, come la carne, il pesce, le uova, ma anche il rosmarino, il peperoncino e tutte le alghe, in particolare il fucus. 
Anche le sostanze nervine, come la caffeina e le molecole ad essa affini contenute nel tè, nel cacao e nel guaranà hanno un discreto potere termogenico. 
Tuttavia, ancora una volta, occorre precisare che la scelta dei cibi ad alto valore termogenico non può essere l’unico criterio di selezione per una dieta equilibrata, che deve tenere conto anche della percentuale di nutrienti, della distribuzione dei pasti nella giornata e dell'attività fisica, che resta comunque il più potente “bruciagrassi” per il nostro organismo. 

Nessun commento: