venerdì 1 ottobre 2010

NON ACCONTENTARSI MAI, SCIVOLO SUL -5

Ciao ragazze, l'altro ieri ho fatto una lezione di metodologia a scuola, si parlava del benessere, ognuno di noi diceva da cosa poteva essere rappresentato, è uscito fuori di tutto, lavoro, soldi, indipendenza, casa, libertà, religione, sport, alimentazione sana ecc...
Poi il prof ha messo un po' a tacere la confusione, ero distratta mi sono persa qualche passaggio, poi però la mia attenzione è stata rapita dalle sue parole :
La nostra vita sarebbe piatta senza obbiettivi, l'uomo ha bisogno di obbiettivi per vivere. E non è in grado di fermarsi mai, perchè gli obbiettivi sono l'imput per crescere e andare avanti. 
Arrivata a casa mi sono messa a letto a riflettere, se ci fossimo accontentati ora non avremmo il mondo che abbiamo, comodo e tecnologico, ma non solo questo. 
C'è un esempio per tutto,  Del Piero o Totti o sceglietevi voi un grande calciatore, non sarebbe tale se si fosse accontentato della partitella in cortile con gli amici. 
I cantanti famosi non sarebbero tali se si fossero accontentati del karaoke in piazza. 
Avremmo delle scuole più merdose di quello che già sono se la Montessori non si fosse applicata, 
Noi donne non varremmo niente se ci fossimo accontentate di pulire casa e accudire i figli, se non avessimo lottato per i nostri diritti.
Non avremmo la luce elettrica se ci fossimo accontentati di aspettare il sorgere del sole e via dicendo..
Di esempi ce ne sarebbero un infinità, arriviamo a me, se mi fossi accontentata ora sarei ancora una grassona, io non voglio accontentarmi mai, sarebbe molto comodo per me fermarmi adesso, oppure fra tre chili, ma invece scendo ancora a meno cinque.
Sarà tosta, ma la vita mi ha insegnato che niente è impossibile. 
Un bacio Rox

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Complimenti, hai tenuto veramente duro ed ora ce l'hai fatta. adesso inizia una nuova fase, devi assolutamente mantenere i risultati ottenuti.
nn ci conosciamo ma vorrei tanto un consiglio da parte tua, come posso fare? sono nuova qui

Roxana ha detto...

Ciao anonimo, grazie per i complimenti, purtroppo io sono ancora in fase calo, miro ai 40 kg, diciamo che la mia dieta adesso è meno ferrea, insomma sono un po' piu rilassata.
Ti posso aiutare ma mi servono tante info, quindi conviene parlarne per e-mail, lasciamela, appena la posti provvedo a eliminarla.
Ciao Rox

LoveToBeBones ha detto...

Questo è vero, l'uomo senza obbiettivo è un uomo che non sta vivendo, vivere vuol dire appunto avere un qualcosa per impegnarsi, sprecarsi, morire anche...
Però c'è una sottile sfumatura nel fatto di morire per qualcosa che davvero vale la pena, o morire perchè qualcosa ti sta uccidendo.
Tutti gli esempi citati sono esempi di persone cresciute, maturate, che hanno dato senso alla loro vita ma che hanno saputo capire che ogni cosa va fatta con il tempo giusto.
Io credo che scendendo a meno cinque tu non stia raggiungendo un obbiettivo, ma stai solo scendendo un gradino più in basso per la morte.
Ricorda che ce n'è di gente morta per quello in cui credeva ma tu (come me) crediamo davvero che tutto questo ci renda felici?
E' complicato, forse non riesco nemmeno a spiegarmi bene e mi scuso, sono confusa anche io..
So solo che il limite di ogni uomo è la morte, la maggior parte delle persone morte per un ideale SONO STATE uccise, non si SONO UCCISE.
Quando quell'idea di porta alla morta, muore con noi.
E allora per cosa abbiamo lottato se non è qualcosa che può permanere?

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Roxana ha detto...

ho aggiunto le ragazze che mi hanno lasciato la mail, tu bones hai ragione, forse sto giocando con la mia vita, ma nn so uscire da tutto questo non ci riesco, forse mi sono adeguata all'idea che prima o poi morirò per questo, ma almeno morirò con un obbiettivo portato a termine.