domenica 12 settembre 2010

RESOCONTO WEEK-END VOGLIA DI MORIRE

Ciao ragazze, ho raccontato il mio week-end a una mia cara amica per e-mail, siccome era molto completa ve la riporto.
Ciao M, non sai che piacere mi fa accendere il pc e trovare sempre qualche tua mail, sei così presente nella mia vita che ormai mi sono affezionata, perciò ti prego non sparire mai, non mi abbandonare senza preavviso, mi sento maledettamente sola, sono stati dei giorni in cui come al solito mi sono sentita spaccata in due, metà di me era felice perchè finalmente ero con la mia migliore amica e mio fratello, noi tre ci amiamo abbiamo un rapporto stupendo, lei per me è cm una sorella e lui per me è come il mio migliore amico. Condividiamo davvero tutto, tutto tranne questo segreto. Ma l'altra metà no, infatti quando sto con loro si finisce sempre a mangiare, pizza, kebab, cinese, roba davvero proibita e io sarei libera di rifiutarmi, perche anche se loro non sanno che sono Pro Ana, anche se non conoscono Rox, sanno che ci tengo alla dieta e che voglio giungere ai 42 kg (non potrò mai dirgli che ho spostato la mia meta a 40, ci ho provato ma poi ho ritrattato perchè erano troppo contrariati). Pur potendo rifiutarmi non lo faccio perchè non voglio sentirmi esclusa, preferisco fingere di star male o stare male per davvero e vomitare pur che sentirmi esclusa e lo so che è sbagliato, lo so che tradisco Ana e che per rimediare poi devo tradire anche i miei amici fingendo malori esagerati e facendoli soffrire. Io odio mentire, ma tra mentire ed escludermi, preferisco mentire, forse per colpa del mio passato, dove ero una sfigata senza amici... non lo so...
Ieri sera dopo che ci siamo ingozzati con una pizza kebab sono stata davvero male, era proprio troppo pesante per me, ma non sono riuscita a vomitare tutto, mi è uscito tanto sangue dalla gola. Poi siamo andati a passeggiare in centro, abbiamo camminato molto, siamo entrati in un pub, un ragazzo mi ha offerto da bere e ha voluto il mio numero, gliel'ho dato ma non ho nessuna intenzione di sentirlo, è un tipo che per chiarire le cose mette le mani addosso e che per le occasioni speciali mette da parte erba e io sono davvero contrariata ad ogni genere di droga, escluse le sigarette.
Poi siamo andati in un altro locale e abbiamo ballato una mezz'oretta e infine abbiamo passato la notte fuori per aspettare che arrivasse la mattina per prendere il pullman e tornare a casa, si gelava, io ero vestita molto leggera, nella mia testa ero contenta perche speravo che tutta quella serata e tutto quel freddo mi avrebbero fatto bruciare quel po' che era rimasto nel mio corpo.
Mentre ero in pullman mi sono spaventata, mi sono sentita il gusto del sangue in bocca era molto forte, non ho detto niente, a casa mi sono guardata la bocca, ma niente non c'era niente.
Poi mi sono pesata e li mi sarei voluta ammazzare, 47.8 kg.
Non me lo spiego, ho mangiato molto è vero, molto per una Ana, per prendere un kilo serve mangiare molto di più, ma perchè allora sono passata da 46.5 a 47.8? Cerco di convincermi che ho bevuto molto che non sono ancora andata in bagno, ma niente mi consola e non so nemmeno come svuotare il mio corpo perchè nessun lassativo sembra fare effetto.
Oggi ho fatto un semi digiuno, ho preso del latte, 50 ml, con qualche biscotto e piu tardi una mela, nient'altro, per fortuna ero cosi stanca che ho dormito tutto il giorno, dormire mi ha anche portata via dai brutti pensieri.
L'unica cosa che mi ha trattenuta dall'ammazzarmi, te lo giuro, è stato pensare che da domani sera inizierò di nuovo ad andare a scuola, riprenderò la mia vita e voglio almeno provarci, ma fino a ieri l'idea di riniziare una vita mi dava emozione, mentre ora ho perso totalmente l'entusiasmo, avrei voluto arrivarci perfetta, o almeno pesare 45, invece ci arriverò gonfia come un maiale e con ben tre chili in piu di quanto prevedeva il mio obbiettivo. Mi odio maledettamente, perchè se mi trovo in questa situazione è solo colpa mia.
Ho anche perso l'entusiasmo per il provino di modella, non credo che ci andrò neanche.
Ho solo una paghetta di 20 euro e mi dispiace sprecarla per un provino, tanto non ho nulla da mettere, non posso nemmeno aggiustarmi i capelli , non posso presentarmi con ricrescita e taglio mal fatto e vestita alla cazzo di cane, faccio più bella figura a restarmene a casa mia.
E poi l'entusiasmo me lo ha tolto mia sorella, che come sempre è cosi egoista da rovinarmi ogni momento di felicità con la sua invidia.
Non mi importa più sinceramente se sono arrivata al punto di non ritorno, a me importa diventare perfetta, se ho deciso di smettere di vomitare è solo perchè te l'ho promesso e perchè so che è inutile se voglio dimagrire.
Ma ho intenzione di continuare a digiunare o semidigiunare fino al raggiungimento dei 45 kg, mi sfonderò di sport e lassativi, perchè anche se ormai le speranze di raggiungere il mio obbiettivo sono rimaste poche o nulle, bastano a tenerlo vivo in me,mentre tutti gli altri sogni mi sembrano morti, svaniti nel nulla, forse questo sogno, i 40 kg, resta acceso dentro di me, perchè il mio corpo è l'unica cosa che io so di poter comandare, ma ogni giorno che passa tutto diventa più difficile, non dimagrisco mai, ingrasso e torno a 46, poi non vado più giu, e dopo pochi giorni risalgo e quindi eccomi di nuovo a lottare per quel 46,dicendomi che in fondo a tutti capita di prendere qualcosa in vacanza, ma adesso che le vacanze sono finite ufficialmente posso ricominciare per bene ma non ne posso più,mi sento piena, enorme, mi odio e vorrei solo uccidermi, conficcarmi una lametta nelle vene e aspettare che la vita mi abbandoni come ha fatto la mia vitalità. Soffro e non ho nessuna spalla su cui piangere. Nessuna esclusa la virtualità.
Eh si ragazze sto davvero male, Ana per me è come quando hai un fidanzato, lo ami terribilmente, ma ogni tanto hai anche bisogno del tuo spazio, però non puoi farne a meno in fondo. Sono terrorizzata, stasera peserò ancora di più, e la tentazione di ammazzarmi sarà cosi forte che non so cosa riuscirà a fermarmi.... forse niente... e allora sarà meglio così almeno tutto questo avrà fine.
Un bacio Rox

3 commenti:

Anonimo ha detto...

La prima sigaretta che fumi ti fa quasi vomitare. Eppure la fumi lo stesso, perchè ti fa sentire più grande, perchè ti fa sentire inserita nel gruppo, o qualsiasi altra cosa. In fondo, se hai deciso di provare, un motivo c'è!
Ma fumandola introduci la nicotina, il cui livello nel sangue, non appena diminuirà, ti farà sentire "male". Male in senso lieve, certo. Potresti essere un po' irritabile, un po' nervosa. Insomma invece che al solito 100% potresti sentirti al 95, per capirci.
Ma ecco che fumandone un'altra tutto passa (momentaneamente). E così, una dopo l'altra, questa dipendenza si consolida. Ma questo è il minimo, perchè. come ti dicevo, il malessere è appena percepibile, lo è cioè quasi inconsciamente, e non è niente di "insopportabile".
Siccome poi spesso la sigaretta viene fumata in momenti particolari, tipo dopo pranzo, durante una pausa, quando siamo nervosi, quando siamo rilassati ecc, e proprio in questi momenti percepiamo inconsciamente il 5% di "miglioramento", ecco che subentra la dipendenza psicologica. Ci sembra che il fumare dopo pranzo sia bello, che fumare durante la pausa sia un piacere, che fumare rilassi, ci faccia concentrare meglio, e così via. E diventiamo dipendenti psicologicamente.
La sigaretta poi pian piano comincerà a rovinare i polmoni, il senso dell'olfatto, del gusto, occluderà le arterie, toglierà il fiato. Ci poterà dal 100% al 95%, e l'astinenza al 90%. Ogni volta che si fuma però si avverte quel miglioramento, e nel lento decadimento del nostro fisico (causato dalla sigaretta) paradossalmente la sigaretta sembrerà l'unica medicina, l'unica cosa che ci permette di andare avanti senza la quale un pranzo, una pausa, un momento di relax dopo un'infuriata non saranno mai più gli stessi.
La sigaretta diventa la nostra compagna, che pur essendo causa di tutti i nostri acciacchi vediamo come toccasana insostituibile, e adesso il suo gusto, a cui ci siamo a forza abituati, ci piace anche!
Ci vogliono anni e anni di fumo per rovinarsi la salute, e non per tutte le persone i danni sono gli stesssi visto non tutti siamo fisicamente "forti" alla stesssa maniera, ma certo è che l'unico modo per riprendersi la salute ed il sentirci di nuovo al 100% è rinunciare (soffrendo momentaneamente, certo) alla sigaretta. E' smettere di fumare!

Anonimo ha detto...

Ma cos'e' che ci impedisce di smettere di fumare con facilità, il lieve malessere fisico o quello psicologico creatosi dopo anni e anni di gesti ripetuti? Te lo dico io, il secondo! Il primo dopo una settimana scompare, per il secondo non bastano anni (anche se decresce sempre più, e diventa quasi insignificante)!

Ora sostituisci il lieve benessere fisico che dà la nicotina al meno trascurabile effetto psicologico che dà il vedere nella nostra immaginazione un sogno piacevole realizzarsi. Anche nei momenti di più duro sconforto il solo pensare che domani andrà meglio un po' aiuta, no?
Ebbene, la nostra società ci mostra continuamente individui strafelici come attori, modelle e chi piu' ne ha piu' ne metta, rigorosamente belli, ben vestiti, ricchi e magri.
Questa cosa, che lo vogliamo o no, ci entra nel nostro subconscio.
Ma se sulla bellezza e ricchezza poco possiamo fare, su una cosa siamo padronissimi di fare. L'essere almeno magri. E questo ci fa sognare, ci aiuta psicologicamente nei momenti difficili, che tanto sono più numerosi quanto più una persona non solo ha problemi, ma anche quanto più questa persona è sensibile e quindi quanto più questi problemi li avverte "con forza", e cerca come può di alleviarli.
Tu sei una ragazza molto sensibile, dall'email che hai scritto alla tua amica lo si capisce fin troppo bene.
E sei caduta in una dipendenza psicologica verso il dimagrire che ha effetti "benefici" nella mente molto più potenti, credimi, di una semplice "dose" di nicotina.
Ma che ha effetti molto più devastanti sul fisico, credimi, che il catrame sui polmoni e l'occludimento delle arterie.
Certo, ci vogliono anche in questo caso anni, ma a parità di fisico su cui vengono applicati, fidati che sono molto più devastanti di quelli di una sigaretta!
Tu pensi che se smetti di essere anoressica la tua vita non sarà più la stessa, certo. Anche un fumatore è terrorizzato dal pensare di dover concludere un pasto per tutta la vita senza mai più accendersene una alla fine. Meglio continuare. "rinuncerò a tutto ma non all'unico vizio che ho", dicono in coro, credendo che la loro vita così sarà migliore.
E invece pian piano si devastano sempre più spinti dalla loro dipendenza psicologica.
Certo, per rimediare ad una dipendenza che dura da anni ci vogliono anni.
Ma se mantenendola il declino continuerà inesorabile, liberandosene ricominceranno a risalire la china.
Smetti di "fumare", e la tua vita domani non sarà certo bellissima. Ma sarà migliore. E così dopodomani, e dopodomani ancora.
Continua, e la tua voglia di morire avrà bisogno di sempre più chili da bruciare per essere tenuta a bada, ma come ti sei resa conto, a un certo punto da bruciare non ce ne sono più.
Il sogno comincia a vacillare, sembrare sempre più irrealizzabile, e psicologicamente sarà sempre più devastante.
Spero di non averti annoiata, forse ti avro' urtata ma non sapevo in che altro modo esporti la cosa.
Spero solo che tu reagisca, e che un giorno ritornerà in te la voglia di vivere.
Ciao

Anonimo ha detto...

roxi ti ho appena risposto alla mail ma questa lettera non mi piace. non mi piace proprio per niente. 40 kg? stai scherzando? posso capire i 45 (anche se non ti servirebbero) ma 40 no. Tu stessa hai detto che ana va usata con cautela ed esperienza, bisogna sapere quando fermarsi. Non puoi continuamente spostare sempre più in là il tuo obiettivo perchè questo significa solo che tu non lo vuoi davvero tu vuoi solo farti del male non concedendoti la vittoria! senza rendertene conto allontani l'occasione di essere felice e dai la colpa a che cosa? al fatto che ti sei divertita con i tuoi amici?hai voluto sentirti come loro. Non è una ragione sufficente per punirsi in questo modo. Posso chiederti una cosa? quando ancora tutto questo non era iniziato soffrivi comunque in questo modo ?
Sò che non ti lascerai sopraffare da ana, tu sei + forte. sai quando fermarti.
calliope