sabato 25 settembre 2010

NON HA SENSO PER QUESTO MI PIACE

Quella mattina mi ero alzata tardi, dopo essermi addormentata presto, nervosa come sempre, ho inghiottito una cinquantina di gocce antidepressive.
Il pomeriggio era arrivato subito, le ore di quelle giornate correvano senza che me ne potessi accorgere, i nervi le assorbivano, le parole, sempre le stesse, gli sguardi anche, le bruciavano. 
Mangia, cosi muori, ma cos'è sta fissa, è inutile che mangi tanto vomiti, vai in ospedale, guardati sei troppo magra, guardati sei perfetta. Promettimi che smetti....
Sempre le stesse cose non ne potevo più. 
Poi litigo con mia sorella, vi giuro non ricordo perchè, no, l'ho letteralmente rimosso. 
Esce di casa, esce per farmi un favore, dopo che le avevo sputato addosso il mio veleno, questo lo ricordo, ero stata perfida, tutto il marcio che potevo aver risparmiato in 19 anni l'ho scaraventato su di lei, ma mi ha perdonata ed è andata a comprarmi le sigarette. 
G ed E, i miei fratelli, sono in sala da pranzo, stanno giocando alla play station, io non rifletto più, sento solo una voce dentro me che grida Basta!! Mi alzo, mi dirigo in bagno, apro l'armadietto blu, cerco la lametta, l'afferro, la punto contro la pelle, esito, ma non riesco a pensare, la premo contro la pelle, non succede niente, premo più forte, ancora niente. 
La voce dentro di me mi guida, mi dice cosa fare. 
Prendo un elastico, lo serro sul polso, la vena emerge, si vede perfettamente quella linea verde che sembra voler esplodere fuori dal polso, premo la lametta, sento bruciare, il sangue comincia a uscire e io mi trovo senza sapere che fare ne cosa mi ha portata li, in bagno con una lametta in mano e il sangue che esce dal polso bruciante. 
Ancora oggi non so perchè l'ho fatto, non so perchè mi sono alzata e ho chiamato aiuto, so solo che anche allora ho fallito, avrei dovuto portare a termine l'opera. 
Sarebbe stato più semplice. 
Ho bisogno di provare dolore, non ha senso forse, ma mi piace. 
Mi serve per sentirmi viva, perchè io viva non sono più, no, io sono morta. Sono morta cazzo! 
Priva di vita, priva di tutto, perseguitata dal perseguire. Si, chi è che insegue, io o Ana? 
Non lo so più, non so più niente, siamo dirette nella stessa direzione, la perfezione. 
Nella mia stupidità stanotte pensavo a un possibile alfabeto Ana, è una cazzata, ma visto che ha occupato le mie ore notturne, ormai lo scrivo. 
Anoressia                                   Lesionismo                                        Utopia
Bilancia                                      Masochismo                                      Vanità
Calorie Controllo                        Narcisismo                                        Z
Dieta                                          Ossessione
Estremismo                                 Perfezione
Fragilità                                      Quantità
Gola                                           Resistenza
H                                               Solitudine
Ineguatezza                                 Taglie 

Rox

Nessun commento: