domenica 25 aprile 2010

I fiori stanno sbocciando ma io sto appassendo

Che giornate strane sono queste, oggi c'è il sole, l'aria profuma di primavera, si tornano a sentire le voci dei bambini che spensierati, liberi, così ignari di come sia questo mondo giocano schiamazzando. Il loro dolore più grande è un ginocchio sbucciato, un no per un giocattolo...
I fiori stanno sbocciando ma io sto appassendo.
Vorrei tornare bambina, con il cuore libero, l'anima leggera, la voglia solo di ridere, di giocare, di imparare, di fare senza nemmeno capire.
Riavere quella sfrontatezza, quella sottile cattiveria che inconsapevolmente i bambini hanno.
Vorrei non riavere questo peso sul cuore, un peso che somiglia al forte vento, quello che fa pressione sulle porte quando non riuscite a chiuderle, lo sentite il vento, ma non lo vedete forse non sapete nemmeno da dove arriva...
Così è il mio dolore, lo sento, so che c'è, ma non so da dove arriva ne quando se ne andrà...
Forse è solo un miscuglio di cose, mi manca la mia migliore amica, vorrei una situazione famigliare più serena, vorrei poter riprendere in mano il mio presente per costruire il mio futuro, vorrei non tanto amare ma più che altro essere amata, non essere vista soltanto come l'oggetto del desiderio.
Ricordo ancora la prima volta che ho avuto un approccio con un ragazzo davanti a mia sorella, ero sul lungo mare con mia sorella, era una sera d'estate, l'aria era fresca, io ero il doppio, se non il triplo di adesso, parlavo con questo ragazzo, stavamo solo parlando, ma lui mi guardava rapito, eccitato... mia sorella dopo mi disse - Mi C. sei cosi sensuale ma come fai? -.
Vi giuro non lo so, vi giuro non lo faccio apposta, in quel momento fui contenta di questa scoperta, ora so che è solo una condanna, se lo facessi apposta saprei dosarmi, gestirmi e invece no...
Voglio che il mio corpo scompaia non voglio piu essere un oggetto del desiderio


2 commenti:

NORD ha detto...

....cucciola...ti capisco...ma ti assicuro che un giorno ci volteremo indietro e ricorderemo questi giorni come dei momenti che ci hanno fatte crescere....anche io vorrei tornare come una volta...libera...libera da questa prigione che mi tiene ancorata qui....forse è anche vero che in questa prigione mi ci sono infilata io e sempre io ho buttato via le chiavi...ma semplicemente per essere al sicuro....forza piccola...anche noi quando raggiungeremo i nostri obbiettivi riusciremmo a tornare a sorridere...te l'assicuro...ci vuole solo un po' di determinazione e coraggio e io sono certa che non ti manca...un bacione!!!!!!!!!!

Rossana ha detto...

e questa determinazione io ce l'ho per voi, grazie mille, noi rinasceremo come fiori a primavera kissss